escapedSiteName:Guest
errorType:
errorCode:
errorMsg:
hasLayoutCustomizePermission: false
hasLayoutUpdatePermission:false
refererPlid: 0
backURL:
toggleControlsState:visible
showAddControls:false
showEditControls: false
showPreviewControls: false
showToggleControls: false
userSetupComplete: false
showAdminLinks: false
portalMessageUseAnimation: true
hasLayoutCustomizePermission: false
setHasLayoutUpdatePermission: false
toggleControlsState: visible
openSiteMapUrl: https://www.atl.biella.it/itinerario-dettaglio?p_p_id=145&p_p_lifecycle=0&p_p_state=pop_up&p_p_mode=view&_145_stateMaximized=true&_145_selPlid=2117796&_145_struts_action=%2Fdockbar%2Fadd_panel&_145_closeRedirect=%2Fsuggesto-gui-portlet%2Fhtml%2Fclosewindow.html
openEditPageUrl: https://www.atl.biella.it/itinerario-dettaglio?p_p_id=145&p_p_lifecycle=0&p_p_state=pop_up&p_p_mode=view&_145_selPlid=2117796&_145_struts_action=%2Fdockbar%2Fedit_layout_panel&_145_closeRedirect=%2Fsuggesto-gui-portlet%2Fhtml%2Fclosewindow.html
emailTo info@atl.biella.it

Anello Alta Valsessera: Quarta tappa

Escursionistico
Richiedi informazioni

Lasciata l'Alpe Fontanamora, il sentiero F2a raggiunge il sentiero G9 lungo il quale si percorre, con continui saliscendi, tutta la cresta spartiacque con un percorso panoramico che aggira le modeste elevazioni di Cima della Bondala e Bondala della Mora; dopo una ripida discesa, si ignora a destra il sentiero per l'Alpe Campo continuando lungo la cresta per poi riprendere quota e raggiungere Cima di Foggia.
Proseguendo, si raggiunge il pascolo di Masunchio Superiore, ora completamente invaso da felci, e, seguendo il crinale, si entra nel bosco per poi scendere fino ai ruderi dell'Alpe Barbero e quindi alla strada sterrata a poca distanza dal Ponte della Babbiera. A questo punto si segue il segnavia F2 per salire alla Bocchetta di Stavello.
Da Stavello (1.206 m) lungo il sentiero L5 si risale il pendio in direzione della chiesa di S. Bernardo fino ad immettersi sulla mulattiera (segnavia L4) che sale dalla Panoramica Zegna e che porta al Santuario.
Davanti alla breve scalinata, si imbocca il sentiero F3 che con strette svolte scende al Colletto di S. Bernardo (1.333 m), dove il sentiero entra in un bosco di conifere e risale rapidamente il pendio fino a raggiungere un piccolo ripetitore proprio in punta al M. Rubello.
Il sentiero erboso diventa molto panoramico e prosegue con andamento praticamente pianeggiante verso il M. Massaro (o Prapian, non accessibile perché zona militare). Dopo una breve discesa si arriva alla Bocchetta di Margosio (1.332 m) per poi proseguire fino a raggiungere Bocchetto Luvera (1.293 m), Poggio Canaione, Bocchetta d'Argimonia. Da qui si supera un tratto impegnativo su roccia aiutandosi con lunghi tratti di corda fissa, e si giunge in punta alla Rocca d'Argimonia (1.613 m) dove uno spettacolare panorama permette di abbracciare l'intero il territorio dell'Alta Valsessera, dell'Appennino Ligure, fino al Monviso.
La discesa è breve ma ripida fino alla sella che conduce ad una cappelletta oltre la quale il percorso non presenta particolari difficoltà, passa a destra di un  grande ripetitore e poi si risale la cresta fino al giungere la zona delle piste da sci di Bielmonte e il Bocchetto Sessera.

Percorso oggetto di valorizzazione con i fondi del PSR 2007-2013, Misura 313, Azione1

Località: Portula, Trivero (Oasi Zegna e Valle Sessera) - Callabiana, Mosso (Valle di Mosso)

Mezzo di trasporto: A piedi

Difficoltà: Difficile

Lunghezza(km): 19.3

Dislivello in salita (metri): 1275

Tempo di percorrenza: 9 ore

Download KML (Google Earth, Google Maps)
Download GPX (GPS Exchange Format )

Richiedi informazioni

(I campi contrassegnati da * sono obbligatori.)

Vuoi ricevere la nostra Newsletter?

Iscriviti per ricevere le nostre comunicazioni