SANCTUARIES SPORT NATURE
MOUNTAIN

OROPA VERTICALE

Dalla bassa Valle d'Aosta a Oropa, sedici anni di chiodatura, ricerca di nuovi settori e apertura di vie nuove. Esperienze, emozioni e sacrifici di un ridottissimo gruppo di amici e volontari Biellesi, i Gat ad Piumb, con in comune una grandissima passione per la scalata.

Nasce così il progetto "Oropa Verticale" con diversi obiettivi fra cui:

  • fare un censimento dettagliato di tutti i settori di arrampicata con le relative vie comprensive;
  • mettere in sicurezza e bonificare le vie esistenti;
  • ricercare nuovi settori di arrampicata e loro chiodatura;
  • collegare tutti i settori con un sentiero che permetta agli arrampicatori di potersi spostare da un settore all'altro in sicurezza e all'escursionista di poter ammirare le nostre montagne da un balcone privilegiato come dovrebbe essere tale sentiero;
  • promuovere, con mezzi dedicati, l'arrampicata nel Biellese.

Ecco alcune proposte nella zona ad est di Oropa, accessibili lasciando l'auto lungo la strada per la Galleria di Rosazza all'altezza della strada della Pissa:

Settore Seattle Rock, 15' dall'auto, difficoltà dal 4b al 6c, esclusi i 2 monotiri sul 4° grado, il resto è adatto agli amanti dei muri verticali e strapiombanti, roccia compatta con tacche e fessure mitiche, sicuramente merita una visita. Ottimo nelle giornate molto calde essendo in mezzo ad un bosco di enormi faggi, offre inoltre alcuni massi su cui "acciaiarsi".

Settore Giass Comune, 25' dall'auto, difficoltà dal 4b al 5b, ottimo settore di monotiri difficoltà accessibili a tutti, ideale per chi inizia a scalare e per portare i bambini, roccia compatta a pochi minuti dall'auto, in ambiente tranquillo. Stupenda la vista sul Santuario di Oropa e su tutto il Biellese.

Settore Vento Freddo, 35' dall'auto, difficoltà dal 4b al 6c, placca per riscaldarsi sui 3 monotiri bassi, il resto muri verticali e strapiombanti, roccia compatta con ottime prese, ottima l'esposizione.

Settore La Coda del Drago, 40' dall'auto, difficoltà dal 4 al 6a, il settore si presenta con una cresta formata da 3 salti rocciosi. Divertente arrampicata con passaggi mai obbligatori su roccia compatta, consigliata. Ottima la variante di Conte Rosso, tacche nette poi muretto verticale.

Settore Placca Grigia, 45' dall'auto, difficoltà dal 4b al A1, placca spettacolare visibile dalla strada della Pissa. Dalla tecnica di aderenza alla fessura, muri verticali e 2 tetti da liberare; ottima esposizione, si può arrampicare quasi tutto l'anno.

Settore Pilone Nuovo, 45' dall'auto, difficoltà dal 4c al 6a/A0, settore inedito in ambiente spettacolare raggiungibile, anche salendo il primo saltone della ferrata per abituarsi al vuoto. Divertente arrampicata quasi sempre su buone prese, particolare brivido per l'arrampicata proprio sotto la cabina della funivia. La via Ai-Vision segue tutto lo spigolo sino al pilone della funivia, a tratti molto esposto.

Ferrata Nito Staich, 35' dall'auto nei pressi di una cappelletta votiva che si trova lungo la strada della Pissa, difficile, realizzata dalle Guide Alpine Tike Saab di Biella, salita logica e divertente a tratti esposta, bellissima uscita sulla dx del Pilone della Funivia con grandioso panorama sul Santuario e su tutto il Biellese.

Nei pressi della ferrata è in via di completamento il settore Tetto del Credere dove avremo una ventina di tiri su difficoltà attorno al 6a, ambiente stupendo.

Settore Ai-Gemei dla Pissa, 45' dall'auto, difficoltà dal 4a al 6b, settore inedito prende il nome dai due enormi "becchi" sommitali assai simili. Arrampicata a tratti verticale mai strapiombante su buone tacche e mitiche fessure, da provare.

Settore Ai-Rock, 45' dall'auto, difficoltà dal 4b al 6c+, settore inedito stupendo enorme masso alto una ventina di metri con il versante Ovest solcato da un tetto ancora da "liberare". Roccia molto compatta con tacche nette, ambiente suggestivo siamo nella parte più a ridosso del sentiero che sale al lago del Mucrone.

Il Tetto della Pissa, 10' dall'auto enorme tetto che si trova lungo la strada della Pissa che sale dal Delubro, difficoltà dal 5c al A1, sito storico chiodato con chiodi a pressione in cui si sono cimentati i nomi più noti dell'alpinismo Biellese.

Per chi predilige le vie alpinistiche in montagna è consigliata la Via Ai-Brix sul versante Sud del Monte Mucrone (2335), oltre 30 tiri di corda su difficoltà accessibili a tutti: la via più lunga delle Alpi Biellesi se si include il collegamento finale con la Sud Sud/Ovest. Divertente arrampicata in ambiente grandioso da non sottovalutare, data la lunghezza della stessa. Sono però numerose le vie di "fuga" per cui può essere divertente anche concatenare alcuni salti per poi scendere su tracce di sentiero, senza percorrere la via fino al termine.

Link di approfondimento
www.caibiella.it
www.montagnabiellese.com